• Viale Montegrappa, 83/85 - Prato
  • (+39) 0574 582873
Mareblu

Blog

seppie in zimino
Ingredienti 
  • 400 g di seppie
  • 500g bietole e/o spinaci (la ricetta originale prevede l’uso di uno o dell’altro, ma a me piace anche mischiare le due verdure)
  • 1 cipolla
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • 2 spicchi d’aglio, prezzemolo
  • vino bianco
  • olio d’oliva
  • sale e pepe

 

Preparate un battuto fine con tutti gli odori e rosolate in una padella con un pò di olio. Pulite le seppie e tagliatele a striscioline sottili. Appena il battuto è pronto unite le seppie e fatele insaporire per una decina di minuti, poi bagnate con un bicchiere di vino bianco, fatelo evaporare e aggiungete le verdure tagliuzzate grossolanamente. Salate, pepate generosamente e tenete sul fuoco una ventina di minuti, bagnando con acqua calda quando è necessario.Prima di servirle cospargetele con altro pepe.

 

Cos’è lo zimino?

Il baccalà, lo stoccafisso, le carpe le tinche, le anguille, le seppie, i totani e altri pesci ancora possono essere fatti “in  zimino”, cioè in umido, con odori, pomodoro (ma non sempre), bietole o spinaci.

La parola zimino è tipicamente toscana ed ha un’origine incerta. Secondo alcuni viene da “cimino”, cioè “cumino”; secondo altri viene dall’arabo “samin”, che vuol dire “grasso, pingue” e dal verbo, sempre arabo, “samana”, cioè “ungere una vivanda con burro fuso”.

Pare che si trovi traccia di questo termine già nel 1300, ma come sia giunto a Firenze e perché si riferisca a ricette di pesce con verdure, resta un mistero insoluto. E’ interessante notare che il Petrocchi, nel 1884, così definisce lo zimino: “salsa di piatti di magro, a base di aglio, cipolla, pomodoro, vino bianco ed erbe aromatiche”.

Dunque, di spinaci e bietole non c’è traccia; è un fatto però che nelle trattorie fiorentine di fine 800, lo zimino (quello con le verdure) era un piatto diffuso.

(Tratto da “Il libro della vera Cucina Fiorentina” di Paolo Petroni)

Condividi

Nessun commento Lascia un commento  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

TYPE & ENTER: